giovedì 13.02.2020

PULIZIA DENTALE – IGIENE ORALE: COME E QUANDO FARLA

pulizia dentale professionale

Che cos’è l’igiene dentale?

L’igiene dentale è un trattamento odontoiatrico chiamato anche ablazione del tartaro, detartrasi e deve essere effettuata da un dentista o da un igienista orale.

A cosa serve l’igiene dentale?

L’igiene dentale completa in maniera fondamentale la quotidiana igiene orale domiciliare.

➡ Vuoi approfondire : Pulizia dei denti: consigli per la detartrasi fai da te

L‘igiene dentale, che sia effettuata dal dentista o dall’igienista orale, consente di effettuare una pulizia dei denti profonda  nelle zone irraggiungibili con strumenti domiciliare ( spazzolino da denti, scovolino e filo interdentale).

Con questo trattamento è possibile eliminare placca batterica, tartaro e batteri presenti sul denti.

Eseguire una periodica pulizia dentale consente di mantenere una bocca sana e prevenire patologie come  parodondite (piorrea), formazione di carie e altre conseguenze.

Come si esegue l’igiene dentale o pulizia dei denti professionale?

Come già anticipato, la pulizia dentale professionale deve essere  fatta presso una clinica odontoiatrica.

La pulizia dei denti avviene attraverso l’utilizzo di un apposito strumento chiamato ablatore dotato di una punta metallica che vibra con l’emissione di ultrasuoni.

Questo strumento consente di staccare e rimuovere il tartaro dai denti con grande efficacia.

La prima cosa di cui si occuperà il dentista durante il trattamento sarà quella di andare a rimuovere tutte le tracce di tartaro e placca presenti sia fra gli spazi interdentali sia sotto le gengive.

Attraverso gli appositi strumenti l’igienista andrà a rifinite la pulizia dentale.

In ultima fase verrà applicata una pasta abrasiva per la rimozione delle macchie superficiali presenti sui denti.

La pulizia delle macchie tramite sostanze abrasive ha effetto solamente sulle macchie superficiali (quelle più profonde non vengono eliminate).

Un completo sbiancamento dentale avviene attraverso un procedimento che non ha niente in comune con l’igiene dentale.

Approfondisci questo aspetto leggendo il nostro link sullo Sbiancamento Dentale

La pulizia dentale professionale oltre che eliminare il tartaro formato sui denti va ad agire in profondità e a pulire tutti gli spazi interdentali e le zone sotto la gengive.

Questa procedura previene la formazione di carie e le complicanze come la parodontite (piorrea), la gengivite e la pulpite.

Questa tipologia di trattamento riesce a ridurre anche la sensibilità dei denti detta ipersensibilità dentinale ovvero quella fastidiosa sensazione di dolore che si presenta quando consumiamo bevande o cibi troppo caldi o troppo freddi.

Il tartaro può causare un fastidioso arretramento gengivale che può essere prevenuto effettuando la sua rimozione attraverso la pulizia dentale.

Rimuovere gli accumuli di placca e tartaro serve anche per prevenire l’arretramento delle gengive dalla loro posizione naturale.

Oltre a rappresentare un fastidioso problema estetico (i denti appaiono allungati e scoperti) tale condizione comporta disturbi più o meno gravi come ipersensibilità dei denti, parodontite e infiammazioni locali.

Un altro aspetto su cui agisce è l’alitosi, la quale si presenta molto spesso in seguito alle condizioni del cavo orale come infiammazioni delle gengive, otturazioni sciupate, capire ecc.

Pulizia dentale e igiene orale: come e quando si esegue?

igiene dentale dal dentista

Avere un bel sorriso serve per comunicare agli altri la propria personalità e il proprio stato di salute oltre a rafforzare la propria autostima.

L’80 percento della comunicazione del corpo umano avviene senza ricorrere al linguaggio e sicuramente un bel sorriso incide in buona parte per la comunicazione non verbale.

In un mondo dove l’estetica ha sempre maggiore importanza un bel sorriso gioca un ruolo fondamentale nella bellezza delle persone.

Avere denti gialli o macchiati porta le persone a un disagio con se stessi e con gli altri.

Se godiamo di una buona salute dei denti e delle gengive possiamo andare a migliorare il nostro sorriso con trattamenti di estetica dentale e sbiancamenti.

Come è noto, il consumo quotidiano di tabacco, alcol e caffè, favoriscono la formazione delle classiche e antiestetiche macchie.

Lo smacchiamento dei serve per rimuovere le macchie dalla loro superficie mentre con lo sbiancamento dentale si va a schiarire il colore dei denti donando un aspetto più sano e lucente al sorriso.

Per questo motivo lo sbiancamento è uno dei servizi odontoiatrici più richiesti.

Un sorriso bianco e luminoso, oltre ad essere un benessere estetico, è un indice dello stato di salute della bocca e dell’organismo.

La placca batterica presente in bocca, favorendo il passaggio di batteri, può essere causa di infiammazioni più o meno lievi che possono trasformarsi in infezioni anche di grave entità.

Prendersi cura della propria bocca seguendo le linee di una corretta igene orale giornaliera e facendo dei controlli periodici è il modo migliore per prevenire questi rischi.

Quando effettuare la pulizia dei denti

La pulizia dentale professionale deve essere fatta almeno 1 volta all’anno ma si consiglia di effettuarla ogni sei mesi.

Per tutti quei pazienti con condizioni particolari e che soffrono di malattie orali come: gengiviti, piorrea o denti storti, che favoriscono l’accumularsi di placca , è consigliato eseguire più frequentemente l’igiene orale. Esempio ogni 3 mesi.

Si consiglia inoltre di eseguire almeno un controllo periodico annuale per verificare lo stato di salute dei denti.

In questo modo il vostro dentista di fiducia ha ala possibilità di prevenire il presentarsi di carie o altre patologie verificando lo stato di salute dei denti.

Placca e tartaro

La placca è un agglomerato di residui di cibo, cellule morte e da batteri che sono nella nostra bocca.

Questa patina resistente può essere eliminata in gran parte mantenendo una corretta igiene orale e spazzolando i denti dopo ogni pasto.

E’ anche buona norma passare il filo interdentale e fare risciacqui con il collutorio ogni giorno per rimuovere anche la placca più resistente.

Tutta la patina che non viene rimossa con l’igiene orale subisce un processo di mineralizzazione già dopo 12 H e di conseguenza viene trasformata in tartaro.

Anche tenendo un’ igiene dentale corretta e meticolosa non è sempre sufficiente a impedire la formazione del tartaro.

L’utilizzo giornaliero delle spazzolino da denti e del filo interdentale aiuta a prevenire il formasi del tartaro ma solo una pulizia professionale riesce a rimuoverlo completamente.

Malattie dei denti e dei tessuti di supporto dentario

La placca e il tartaro sono la causa principale delle carie.

Se la carie arriva troppo in profondità, oltre la dentina, può andare fino alla polpa, ovvero la parte viva dei denti.

L’infiammazione della polpa, detta pulpite pò avare come conseguenza un infezione chiamata ascesso dentale periapicale.

Se l’infiammazione diventa più profonda e si prolunga nel tempo, si può andare incontro a parodontopatia (o parodontite o piorrea).

Questa è un’infezione di origine batterica che incide sul parodonto, ovvero quel tessuto intorno al dente che gli fornisce stabilità (osso, gengiva, legamento parodontale e cemento radicolare).

Col prolungarsi del tempo questa condizione può portare gravi conseguenze come un distacco dei denti dall’alveolo con la successiva formazione di tasche parodontali contenenti batteri e pus.

Il tutto può portare alla caduta dei denti.

Lucidatura dei denti

La pulizia dei denti professionale prevede l’utilizzo di mascherine al fluori per rinvigorire, mineralizzare e rafforzare lo smalto dentale prevenendo l’erosione dei denti e rendendoli più resistenti agli attacchi batterici.

Per ridurre al minimo l’ipersensibilità dei denti è possibile che venga applicata una apposita pasta dentale.

Alla fine del trattamento di pulizia dei denti è bene sciacquare in abbondanza la bocca  con dell’acqua in modo da rimuovere residui di prodotti usati per il trattamento.

Dopo il trattamento è consigliabile aspettare almeno un’oretta prima di consumare bevande o cibi zuccherati.

Attenzione alle persone con denti sensibili

Se la pulizia viene effettuata su denti ben tenuti e su persone che tengono una corretta igiene orale non è un trattamento doloroso.

E’ comunque possibile che durante il trattamento e per qualche ora successiva si avverta una sensazione di fastidio.

Si potrebbe dire che il dolore o fastidio percepito è proporzionale alla quantità di tartaro rimossa dai denti.

Eseguendo l’igiene orale 1 volta o due l’anno è possibile ridurre la sensazione di fastidio durante il trattamento.

Consigli su come prolungare l’effetto dell’igiene professionale

Una volta effettuato l’igiene professionale in uno studio dentistico ci troviamo con una piacevole sensazione di fresco e di pulito nella nostra bocca.

I denti risultano più bianchi, sani e di conseguenza apprezzabili.

Per fare in modo che gli effetti dell’igiene orale durino più a lungo consigliamo di attenersi scrupolosamente a una corretta igiene domiciliare lavando i denti con spazzolino, dentifricio dopo ogni pasto.

➡ Vuoi approfondire : Perché dobbiamo lavare i denti 3 volte al giorno