370 3655374 info@clinicaireos.com Lun - Ven: 10.00 - 20.00

sabato 18.04.2020

Bite notturno: a cosa serve, come agisce e quando usarlo

bite notturno

Si tratta di un ​apparecchio dentale trasparente​, composto da ​resine acriliche​ da applicare tra le due arcate dentali durante la notte.

Il suo ruolo è quello di un cuscinetto collocato tra l’arcata superiore e l’arcata inferiore.

Qual è la principale funzione del bite notturno?

Il ​bite notturno​ ha diverse funzioni, ma nella maggior parte dei casi è utilizzato per correggere il problema del ​Bruxismo​, un tipo di disturbo che consiste nel digrignare i denti durante la notte, tanto da farli stridere.

La sua causa è data dalla ​contrazione della muscolatura masticatoria​, un movimento involontario, inconscio, solitamente dovuto a periodi di forte stress.

Esistono altre funzioni dell’apparecchio dentale notturno?

Il bite serve anche a contrastare i ​disturbi alle articolazioni temporo-mandibolari, articolazioni che congiungono la mandibola alla testa, garantendo l’apertura e la chiusura della bocca, e a modificare la​ cattiva occlusione dentale​, casistica in cui l’allineamento dei denti dell’arcata superiore con quelli dell’arcata inferiore non è perfetto.

Come agisce il bite notturno?

Questo apparecchio dentale si può definire quasi una ​barriera protettiva​ tra le due arcate dentali, evitando che chi lo utilizza digrigni o serri i denti durante le ore notturne.

Altri benefici del bite notturno:

  • mantenere il giusto spazio e la giusta distanza ​tra le arcate dentali
  • difende lo smalto ​dai traumi causati dallo sfregamento. Il movimento notturno dello sfregamento infatti può comportare l’abrasione dello smalto dei denti e anche l’infiammazione delle gengive
  • trasferire la forza esercitata dai muscoli​ su di esso, piuttosto che sui denti, allentando la tensione e permettendo ai muscoli mandibolari e cervicali di rilassarsi. Si tratta di funzione particolarmente importante: la contrazione dei muscoli mandibolari può essere motivo di dolore alle spalle, alla schiena e al nervo trigemino.

Quali tipi di bite esistono?

Esistono due tipologie di bite : il ​bite auto-modellanti,​ morbidi o duri, e l’​apparecchio dentale
su misura​, personalizzato.

Bite auto-modellante

I bite ​automodellanti ​(chiamati anche preformati o preconfezionati) sono indicati nei casi in cui è sufficiente un trattamento di durata di poche settimane.

Vi è poi un’ulteriore distinzione:

  • quelli ​morbidi ​sono indicati per casi in cui si presenta forte tensione dei muscoli, sono quindi utili per donare nuovamente equilibrio e rilassamento dei muscoli masticatori;
  • quelli ​duri​, invece, servono a correggere abitudini sbagliate, quali tenere i denti serrati o mordersi le labbra.

Vuoi sapere di più sugli apparecchi dentali?

➡ Vuoi approfondire: Apparecchio dentale la guida completa

Bite su misura

Sono ​apparecchi invisibili studiati e costruiti su misura​, che possono intervenire sia sul bruxismo che sulla malocclusione dentale.

Migliorano il riallineamento posturale, favoriscono la masticazione e la deglutizione, e donano equilibrio alla muscolatura e alle funzionalità temporo-mandibolari.

➡ Vuoi approfondire il costo degli apparecchi invisibili invisaling: Quanto costa un apparecchi invisibile – mascherine invisalign

Questi dispositivi, al contrario dei precedenti, sono consigliati per trattamenti di lunga durata.